Benvenuti a AXA Svizzera
Login myAXA
 
 
 

Istituzioni di previdenza

Esigenze diverse

Istituzioni aziendali, collettive o comuni: esistono vari istituti di previdenza per le varie esigenze e possibilità dei datori di lavoro.


La soluzione di previdenza adeguata per ogni datore di lavoro

Nell'ambito della legge, gli istituti di previdenza possono organizzarsi, strutturare le prestazioni e finanziarle liberamente. Nello statuto della fondazione o nel regolamento essi devono tuttavia fissare direttive riguardanti le prestazioni, l'organizzazione, la gestione e il finanziamento, il controllo, il rapporto verso i datori di lavoro, gli assicurati e gli aventi diritti. Le direttive cogenti della LPP hanno la precedenza sulle prescrizioni degli istituti di previdenza.

Istituti di previdenza registrati

Gli istituti di previdenza che intendono attuare la previdenza professionale obbligatoria devono iscriversi nel registro per la previdenza professionale della competente autorità di sorveglianza.Ciò vale anche per gli istituti di previdenza che oltre alle prestazioni obbligatorie prevedono prestazioni più estese (cosidette prestazioni superiori ai minimi legali). Questi istituti di previdenza sono chiamati „istituti di previdenza con prestazioni LPP integrate".

Istituti di previdenza non registrati

Gli istituti di previdenza che forniscono solo prestazioni eccedenti a quelle obbligatorie (vale a dire che assicurano quote salariali superiori salario massimo computabile secondo la LPP di CHF 84'240.- (stato: 2014)) non devono iscriversi nel registro per la previdenza professionale.
Anche i fondi di beneficienza (fondazioni padronali), finanziati unicamente dal datore di lavoro (senza obbligo regolamentare), non sottostanno all'obbligo di registrazione.



Istituto di previdenza di un unico datore di lavoro

Un istituto di previdenza proprio dell'azienda serve al singolo datore di lavoro per attuare la previdenza professionale destinata al suo personale.

In contrapposizione troviamo gli istituti collettivi e comuni. Ad esse aderiscono le aziende che non vogliono creare un proprio istituto di previdenza.

 

Vorsorgeeinrichtungen



Gli istituti collettori sono indicati per le aziende senza un proprio istituto di previdenza

Le aziende che non creano un proprio istituto di previdenza per il personale aderiscono a un istituto collettivo o istituto comune.

Gli istituti collettivi fanno ormai parte della realtà quotidiana della previdenza per il personale. Migliaia di piccole e medie, talvolta anche grandi imprese affidano a istituti collettivi la previdenza per il personale destinata ai dipendenti. I fondatori di istituti collettivi sono soprattutto assicurazioni sulla vita, banche e società fiduciarie.

Istituti di previdenza separata
Per ogni azienda che aderisce all'istituto collettivo, esiste un istituto di previdenza separato, indipendente dall'impresa.

 

Vorsorgeeinrichtungen

 

Consiglio di Fondazione / Commissione per la previdenza del personale

Come organo supremo dell'istituto collettivo, il Consiglio di Fondazione controlla il rispetto delle prescrizioni legali. La Commissione per la previdenza del personale (CP) è l'organo paritetico dell'istituto collettivo creato al livello delle istituzioni per la previdenza del personale. Essa è responsabile della struttura e dell'ampliamento, della previdenza professionale e decide in merito al piano di previdenza. La Commissione per la previdenza del personale è composta dallo stesso numero di rappresentanti dei dipendenti e di datori di lavoro dell'azienda aderente all'istituto collettivo (amministrazione paritetica).



Istituto di previdenza per associazioni professionali ed economiche

L'istituto comune è diffuso soprattutto fra le associazioni professionali ed economiche. Esso si rivolge unicamente ai membri aziendali di un'associazione professionale o economica, che spesso sono soggetti a un contratto collettivo di lavoro.

Nessun istituto di previdenza separato

Contrariamente all'istituto collettivo, per le società aderenti a un istituto comune non vengono gestiti istituti di previdenza separati.

 

Vorsorgeeinrichtungen

 

Caratteristiche estese

Nell'istituto comune sono messi in primo piano le caratteristiche aziendali estese:

  • le decisioni formali e materiali sulla struttura e l'ampliamento della previdenza professionale sono prese a livello di istituto di previdenza. Il potere decisionale spetta all'organo paritetico (p. es. Consiglio di Fondazione). Poiché per le imprese aderenti non vengono gestiti istituti di previdenza separati, viene a cadere l'obbligo dei datori di lavoro di creare all'interno delle aziende degli organi paritetici (p. es. commissioni per la previdenza del personale). 
  • Per le imprese aderenti fa stato un regolamento di previdenza emanato dall'organo comune.
  • Il cambio del posto di lavoro di un dipendente all'interno di una delle società aderenti all'istituto comune non provoca un caso di libero passaggio. La previdenza del dipendente viene mantenuta. 
  • Poiché per le imprese aderenti non vengono gestiti istituti di previdenza separati, nell'istituto comune c'è solo un patrimonio comune. L'impiego di questi mezzi è deciso dall'organo comune dell'istituto di previdenza.


Garanzia della previdenza professionale obbligatoria

Per garantire la previdenza professionale obbligatoria e affinché tutti i dipendenti siani effettivamente assicurati, è stato creato un istituto collettore. Nel 1983 le associazioni centrali dei lavoratori e dei datori di lavoro hanno costituito la „Fondazione Svizzera dei Partner Sociali per l'Istituto Collettore" (breve descrizione „Fondazione Istituto Collettore LPP").

 

Vorsorgeeinrichtungen

 

Fondazione istituto collettore LPP

Attuazione della LPP:
  • affiliazione d'ufficio
  • affiliazione facoltativa
  • persone assicurate a titolo facoltativo
  • versamento delle prestazioni in mancanza di affiliazione a un istituto di previdenza
Amministrazione delle prestazioni di libero passaggio

esecuzione centralizzata in una sola sede

Applicazione della previdenza professionale obbligatoria per disoccupati

in collaborazione con gli uffici di collocamento



Ricerca di un consulente