Benvenuti a AXA Svizzera
Login myAXA
 
 
 

«driving at work»

Il pacchetto di servizi di AXA

«driving at work» è un pacchetto di servizi facilmente applicabile destinato alla prevenzione.


Prevenzione con «driving at work»

Fate anche voi una prevenzione attiva con il pacchetto di servizi di AXA e scoprite di più sulle offerte in occasione di un colloquio informativo.

  • Offerte a pagamento

    Consulenza in materia di prevenzione in loco

    Beneficiate di una relazione o di una consulenza individuale di un esperto del servizio Infortunistica e prevenzione.

    Offerta

    Crash Recorder

    Molti autisti guidano in modo più responsabile se a bordo è installato un Crash Recorder. Al costo di CHF 100.– per ciascun apparecchio migliorate i comportamenti a rischio dei conducenti. Il Crash Recorder è disponibile solo per autovetture e autofurgoni.

    Offerta

    Corso di guida sicura

    Fate svolgere ai vostri autisti un corso di guida sicura del Driving Center Svizzera, su misura della vostra tipologia di sinistri. I clienti AXA beneficiano di ribassi fino al 40%.

    Ordinare informazioni sull'offerta

    Perfezionamento per responsabili parco veicoli

    Il corso di un giorno «Sicurezza negli spostamenti per lavoro» dell'upi (Ufficio per la prevenzione degli infortuni) offre sostegno alle aziende con parco veicoli. Come cliente AXA beneficiate di un ribasso di CHF 50.–.

    Ordinare informazioni sull'offerta

 



La prevenzione porta i suoi frutti

Chi identifica e analizza i possibili rischi è anche in grado di ridurli efficacemente al minimo. Con «driving at work» AXA offre un sostegno professionale per il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • riduzione del numero e dei costi degli incidenti
  • aumento della sicurezza dei collaboratori
  • riduzione dei danni all’immagine
  • meno problemi nella vostra azienda
  • maggior cura nell'utilizzo dei veicoli aziendali
  • comportamento alla guida corretto del vostro personale
  • riduzione dei giorni di assenza e delle loro conseguenze negative
  • meno riparazioni dei veicoli
  • maggiore produttività
Gli incidenti insegnano

Da oltre 30 anni AXA si occupa delle cause, della dinamica e delle conseguenze degli incidenti stradali ed è l’unica compagnia di assicurazione svizzera a disporre di un proprio reparto di infortunistica e prevenzione.



I 6 temi «driving at work»

Approfittate dell'esperienza pluriennale di AXA nel campo dell’infortunistica e della prevenzione. Per sensibilizzare i vostri autisti sono a disposizione informazioni sui 6 principali temi nonché su specifici sistemi di assistenza alla guida che vi aiutano nella prevenzione degli incidenti.

Regola 1 «driving at work»: Alla guida non fatevi distrarre!

Secondo l'Ufficio federale delle strade (USTRA), la mancanza di attenzione è la causa principale di un incidente stradale su cinque. Telefonare, utilizzare apparecchi, farsi distrarre da stimoli esterni, conversare con i passeggeri, mangiare e bere sono i principali peccati commessi da chi guida.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Head up display
  • Sistema per il controllo automatico della traiettoria
  • Light Assist
  • Avvisatore di collisione
  • Dispositivo di assistenza alla frenata
  • Assistente alla frenata di emergenza con scansione dell'area davanti al veicolo

 

Regola 2 «driving at work»: Manovre/parcheggio: solo dopo esservi guardati attorno!

Gli incidenti durante le manovre o in fase di parcheggio sono di gran lunga la tipologia più frequente nelle flotte aziendali, con una quota del 55%.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Dispositivo passivo di assistenza al parcheggio (avvisatore)
  • Dispositivo attivo di assistenza al parcheggio
  • Avvisatori acustici e videocamere di retromarcia
  • Moderni sistemi di specchietti retrovisori

 

Regola 3 «driving at work»: Distanza: evitare i tamponamenti!

La seconda tipologia più frequente di incidente sono i tamponamenti, che si verificano soprattutto all'interno delle località e possono provocare gravi danni a persone.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Head up display
  • Tempomat con regolazione della distanza
  • Avvisatore di collisione
  • Dispositivo di assistenza alla frenata
  • Assistente alla frenata di emergenza con scansione dell'area davanti al veicolo

 

Regola 4 «driving at work»: Velocità: adeguatela alla situazione!

Il 70% di tutti gli incidenti causati dalla velocità è dovuto a sbandamento e perdita di controllo, e vedono una frequenza particolarmente elevata di conseguenze mortali. È importante conoscere le condizioni ambientali e adeguare la velocità di conseguenza.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Programma elettronico di stabilità (ESP)
  • Sistemi di limitazione della velocità
  • Sistemi di navigazione e di gestione del parco veicoli

 

Regola 5 «driving at work»: Stanchezza: mettetevi al volante solo se siete riposati!

Un conducente stanco ha tempi di reazione più lunghi e una minore concentrazione. La stanchezza è causa di incidenti stradali nel 10-20% dei casi.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Avvisatore di stanchezza
  • Assistente alla frenata di emergenza con scansione dell'area davanti al veicolo
  • Sistema per il controllo automatico della traiettoria

 

Regola 6 «driving at work»: Carichi: partire quando tutto è ben assicurato!

Assicurare il carico è fondamentale poiché un carico fissato male o non fissato può avere conseguenze mortali.

 

Sistemi di assistenza alla guida

  • Programma elettronico di stabilità (ESP)

 



Il parco veicoli come fattore di costo

Il finanziamento, la manutenzione, i servizi, l’assicurazione e le imposte sono solo parte dei costi legati al vostro parco veicoli. I danni ai veicoli causati da un uso o da uno stile di guida non appropriati, così come dagli incidenti, rappresentano costi di gran lunga superiori.

Tenete pertanto presente che i veicoli costituiscono un fattore di costo per la vostra azienda.

Prevenire e risparmiare denaro

Le esperienze di AXA e studi internazionali dimostrano che, con una prevenzione mirata, è possibile ridurre gli incidenti anche del 30%.

In un contratto assicurativo, di norma, non tutti i rischi finanziari vengono trasferiti sull'assicurazione, poiché questo aumenta eccessivamente il premio. Dopo un incidente, quindi, si generano costi non assicurati che l'azienda stessa deve sostenere. Siete voi a scegliere la portata del rischio che siete disposti a sopportare. I costi non assicurati vengono suddivisi in costi diretti e indiretti. I costi indiretti possono rappresentare un importo dalle due alle cinque volte superiore a quello dei costi diretti.

Costi diretti Costi indiretti
  • Franchigie
  • Aumento del grado bonus/malus, nel caso l'assicurazione sia stata stipulata senza protezione del bonus
  • Perdita di tempo di lavoro per il disbrigo della pratica
  • Mancato uso del veicolo
  • Diminuzione di valore del veicolo
  • Diminuzione di valore del veicolo
  • Continuazione del pagamento del salario in caso di infortunio
  • Perdita di immagine o addirittura di clienti
  • Spese per le conseguenze giuridiche


Le storie tratte dalla prassi

PolyRose punta sulla prevenzione e riduce così il numero di incidenti

L’impresa logistica PolyRose si impegna intensamente per la sicurezza del suo parco veicoli. La collaborazione con l’agenzia generale di Kreuzlingen e il settore Infortunistica di AXA dev’essere preso quale esempio paradigmatico di un efficace lavoro di prevenzione.

  • La storia completa
    In considerazione della frequenza dei sinistri, l���impresa logistica PolyRose ha deciso di investire di più nella prevenzione. AXA, impegnata da oltre 25 anni nell’infortunistica, ha offerto il suo sostegno. «Ci eravamo prefissati di incrementare la sicurezza del nostro parco veicoli. L’offerta di sostegno a tal fine da parte di AXA è stata determinante per una collaborazione», afferma Marcel Ziwica, membro della direzione di PolyRose.

    Il concetto di prevenzione elaborato congiuntamente include, oltre ai training di guida sicura e alla formazione destinata ai conducenti, anche l'installazione di dispositivi per la registrazione dei dati degli incidenti nel 20 % dei veicoli. I dispositivi devono contribuire a sensibilizzare i conducenti sul numero di sinistri più elevato, in particolare sul proprio stile di guida. In caso di incidente, di forte frenata o di marcia in curva, i dispositivi registrano diversi dati di guida come velocità, cambiamento di direzione e azionamento dei freni.

    I dati rilevati sono analizzati a cadenze regolari con i conducenti interessati. «Il dialogo costante con gli autisti ha determinato l’aumento del grado di accettazione della misura da parte dei collaboratori», racconta Marcel Ziwica. Viene inoltre assegnata una «Best Driver Cup» al conducente con lo stile di guida più sicuro tra i guidatori con blackbox.

    Secondo Christian Egg, amministratore della PolyRose, il continuo impegno a favore della prevenzione ha dato buoni risultati: «Il nostro investimento è stato fruttuoso. Il numero degli incidenti registrati dal nostro parco veicoli è nettamente diminuito». Da un lato è stata così aumentata la sicurezza dei guidatori e, dall’altro, i costi diretti e indiretti determinati dai sinistri hanno potuto essere ridotti.

 

Feldschlösschen riduce del 66 % il numero dei sinistri nelle manovre di retromarcia

Gli autisti della Feldschlösschen Bibite SA sono messi costantemente a dura prova, in quanto una parte considerevole del loro lavoro consiste nell'effettuare manovre, caratterizzate da un alto rischio di incidenti. Non a caso, dalle statistiche dei sinistri del 2004 risulta che un numero considerevole di eventi si era verificato durante le operazioni di retromarcia e in manovra. La soluzione è stata l'installazione di avvisatori acustici su tutti gli autocarri. Il risultato: riduzione del 66,8 % dei sinistri in retromarcia!

  • La storia completa
    In quattro sedi operative in Svizzera, l'azienda Feldschlösschen produce ogni anno circa tre milioni di ettolitri di bevande, consegnate ai clienti attraverso 17 centri di distribuzione. Per il trasporto vengono impiegati circa 200 autocarri. Grazie all'organizzazione decentralizzata, ogni mezzo percorre in media un numero comparativamente basso di chilometri; il loro compito principale consiste nella consegna di bevande da un centro di distribuzione ai singoli clienti. Le tratte percorse sono relativamente brevi, ma il numero di tappe effettuate per le operazioni di carico/scarico è elevato. Negli anni 2004 e 2005, circa un terzo di tutti i sinistri rientrava quindi nella categoria «manovre in retromarcia». In occasione di un colloquio annuale con AXA, sulla base di questa statistica è stato quindi deciso di prendere in considerazione l'investimento in indicatori acustici di retromarcia per tutti gli autocarri.

    In un primo progetto pilota, questi dispositivi sono stati installati su alcuni mezzi, al fine di analizzare assieme agli autisti quale fosse il sistema ottimale per soddisfare le loro esigenze di sicurezza. Dopo questa fase di valutazione e vari colloqui circa il finanziamento degli avvisatori acustici, a fine 2005 tutti gli autocarri sono stati dotati di questo utile sistema di sicurezza.

    All'inizio, le reazioni dei conducenti nei confronti di questo nuovo «assistente di manovra» sono state discordanti: alcuni hanno interpretato questo provvedimento quasi come un'offesa - «Pensano che non sappiamo guidare?», è stato il loro primo commento. Altri trovavano fastidioso il cicalino, preferendo quindi disattivarlo. Ma dopo queste difficoltà iniziali di accettazione, l'avvisatore acustico si è rapidamente affermato. Di conseguenza, sono divenuti molto meno frequenti i sinistri apparentemente verificatisi a causa del mancato funzionamento dell'avvisatore, oppure per i quali il conducente ha dichiarato «Sì, ho sentito il cicalino, ma non ho visto niente e ho proseguito».

    Oggi, l'efficacia dell'avvisatore acustico ai fini della prevenzione degli incidenti è dimostrata anche in termini finanziari: rispetto agli anni in cui il dispositivo non era ancora installato, il numero dei sinistri durante le manovre di retromarcia è diminuito di ben il 66 %. Così, mentre in passato questo tipo di danni ammontava a circa un terzo della somma complessiva dei sinistri, oggi corrisponde soltanto circa al 10 % degli indennizzi per incidenti. Per la Feldschlösschen Bibite SA, l'investimento nell'installazione degli avvisatori acustici di retromarcia è quindi risultato proficuo anche sotto il profilo finanziario.

 

La Securitas va sul sicuro con il Crash Recorder

I veicoli di servizio rappresentavano già da tempo un vero rompicapo per l’impresa di sicurezza. Le vetture sono utilizzate da guidatori che si avvicendano costantemente e la loro prestazione si attesta fra i 30 000 e i 40 000 chilometri annui.

  • La storia completa
    Inoltre, i veicoli sono principalmente impiegati di notte e devono sovente essere parcheggiati al buio in luoghi che non sono familiari ai conducenti. «Ovviamente i danni da parcheggio non sono una rarità», afferma Pascal Cattilaz, responsabile presso Securitas SA per il parco veicoli.

    I veicoli di Securitas impiegati per il trasporto dei detenuti sono equipaggiati con dispositivi per la registrazione dei dati degli incidenti. Questi dispositivi registrano la velocità, lo stato delle luci e l’impiego degli indicatori di direzione e dei freni del veicolo. Tuttavia i costi di un apparecchio del genere, inclusa l'installazione, si attestano fra CHF 1'500 e CHF 2'000 per ogni veicolo. La maggior parte dei veicoli Securitas per i servizi di sorveglianza sono di piccole dimensioni, con un valore lordo compreso tra CHF 10'000 e CHF 15'000 (veicolo nuovo). Gli oneri finanziari per l’acquisto dei registratori sarebbero sproporzionati.

    Oggi questa cliente di lunga data ha potuto trovare un’alternativa a questi costosi dispositivi con l’aiuto di AXA. Il Crash Recorder di AXA fornisce anche importanti dati relativi allo svolgimento degli incidenti e costa, installazione inclusa, meno di CHF 300. Previa valutazione, Securitas ha dato luce verde per l’acquisto. «Quando lo scorso anno abbiamo preso la decisione di sostituire la maggior parte del parco veicoli, ossia ca. 160 vetture aziendali, abbiamo contemporaneamente ordinato il Crash Recorder», riferisce Pascal Cattilaz.

    Oltre ad un chiarimento più rapido ed obiettivo degli incidenti, Bettina Sinzig, responsabile Infortunistica di AXA, si attende un ulteriore risultato: «Contiamo sul fatto che un conducente guidi con maggior prudenza sapendo che a bordo con lui viaggia un osservatore incorruttibile». Per Cattillaz questa misura si inserisce bene nell’immagine di un'impresa di sicurezza: «Questa innovazione, associata ad ulteriori misure della nostra azienda, è legata ai principi di qualità e alla prevenzione, che sono, in fin dei conti, ciò su cui verte infine la nostra attività principale».

    Securitas è cliente di AXA dagli anni '50 e, oltre ai settori responsabilità civile e persone, ha assicurato anche il parco veicoli presso AXA.

 

Corso di guida sicura presso la ditta di trasporti Galliker

L’impresa di trasporti Galliker dispone in Svizzera di 1'350 collaboratori e 600 veicoli. Il settore «Formazione e assicurazione» di Galliker ha organizzato, unitamente al settore Infortunistica di AXA, delle giornate di training presso il Driving-Center Veltheim per 80 autisti di Galliker.

  • La storia completa
    «Ci siamo consapevolmente concentrati sugli autisti di furgoni di peso inferiore alle 3,5 tonnellate poiché in questa categoria di veicoli era stata costatata la maggior frequenza di sinistri», riferisce il responsabile di AXA.

    Gli autisti, in gruppi di 10, occupavano un totale di otto postazioni. Quattro postazioni erano dedicate alla teoria, affidata agli esperti di AXA e a specialisti appositamente incaricati. Nelle quattro postazioni esterne ci è esercitati in diverse situazioni di guida.

    Anche se una giornata come questa a Veltheim costa circa CHF 15'000, a lungo termine ne vale la pena.Certo è che la consapevolezza degli autisti nei confronti dei loro veicoli e del relativo utilizzo viene rafforzata grazie alla formazione.È tuttavia anche chiaro che una sola giornata di training non è sufficiente. L'azienda Galliker impiega perciò istruttori propri, forma personalmente autisti di camion e organizza regolarmente corsi di perfezionamento.



Ricerca di un consulente