Benvenuti a AXA Svizzera
Login myAXA
 
 
 

Il finanziamento della previdenza professionale

Contribuzione

L'istituto di previdenza deve fornire la garanzia di essere in grado di adempiere agli obblighi assunti. Richiedere una consulenza


Come è regolato il finanziamento?

Il finanziamento della previdenza professionale viene effettuato in modo paritetico: ciò significa che la quota del datore di lavoro deve essere pari almeno alla somma dei contributi di tutti i dipendenti. Tali contributi sono così composti:

  • contributi di risparmio per il finanziamento delle prestazioni di vecchiaia 
  • contributi di rischio per il finanziamento delle prestazioni in caso di invalidità e di decesso
  • contributi per i costi relativi alla copertura degli oneri amministrativi
  • contributi per il fondo di garanzia

Come devono essere pagati i contributi LPP?

I contributi vanno versati in rate mensili o trimestrali, oppure in un'unica soluzione, in tal caso anticipatamente all'inizio di ogni anno. In caso di affiliazione alla fondazione collettiva di una compagnia di assicurazione sulla vita, solitamente l'intero importo annuale è esigibile anticipatamente il 1° gennaio di ogni anno. La fondazione collettiva necessita in anticipo in particolare dei contributi di rischio per il caso di invalidità e decesso in quanto deve corrispondere i premi relativi alle prestazioni assicurative alla compagnia di assicurazione sulla vita già all'inizio dell'anno.Nel caso in cui il pagamento venga effettuato anticipatamente a cadenza annuale, i contributi di risparmio per la previdenza per la vecchiaia vengono scontati, indennizzando così il datore di lavoro per il versamento anticipato e senza interessi degli accrediti di vecchiaia (relativi alla quota a carico del lavoratore). Se l'istituto di previdenza richiede i contributi a cadenza mensile o trimestrale può essere computato un supplemento per il pagamento rateale.


Pagamento anticipato dei contributi

Nel caso delle fondazioni collettive degli assicuratori vita con soluzioni di risparmio assicurativo, solitamente i contributi sono dovuti annualmente, con versamento anticipato. 

Alla fine dell'anno assicurativo, il conto corrente o il conto del contratto deve essere in pareggio. In caso di mancato pagamento conformemente ai termini previsti, il datore di lavoro deve corrispondere un interesse. Se alla fine dell'anno assicurativo il saldo è a favore del datore di lavoro viene accreditato un interesse, mentre se è a favore dell'assicuratore l'interesse viene addebitato.

Il vantaggio del pagamento anticipato dei contributi consiste nel fatto che al datore di lavoro vengono addebitati contributi di risparmio più bassi rispetto agli accrediti di vecchiaia che vengono computati alle persone assicurate.

Pagamento posticipato dei contributi

Nel caso in cui la modalità di pagamento concordata preveda il versamento posticipato, i contributi vengono rateizzati e distribuiti nel corso dell'intero anno e solitamente sono dovuti al termine di ogni trimestre. Per questa modalità di pagamento l'istituto di previdenza può applicare un supplemento. In caso di ritardo nei pagamenti viene addebitato un interesse di mora.

Il vantaggio del pagamento posticipato consiste nel fatto che i contributi possono essere comodamente suddivisi in, ad esempio, quattro rate trimestrali, senza dover attingere già all'inizio dell'anno a una quota consistente di liquidità.

Come funziona il conto corrente per il pagamento dei contributi?

Il conto corrente serve per effettuare tutte le operazioni di pagamento e consente una modalità di versamento flessibile. Anziché saldare ogni singolo credito o debito alla rispettiva data di scadenza, crediti e debiti vengono compensati correntemente.



Riserve di contributi del datore di lavoro

I contributi per la previdenza professionale sono versati congiuntamente dal datore di lavoro e dal dipendente. Per la quota spettante al datore di lavoro sussiste inoltre la possibilità di costituire delle riserve per i futuri contributi dello stesso.

Scopo

Le riserve di contributi servono al finanziamento anticipato di futuri contributi del datore di lavoro. Esse possono ad esempio essere utilizzate per il finanziamento della previdenza professionale durante i periodi congiunturali difficili, alleggerendo così l'onere per l'azienda.

Trattamento fiscale

Le riserve di contributi rappresentano un interessante strumento di ottimizzazione fiscale. Dal punto di vista dell'azienda esse costituiscono degli oneri di esercizio che vanno a ridurre l'utile di bilancio e, di conseguenza, anche l'onere fiscale.

Particolarità

Non è consentito finanziare i contributi dei dipendenti mediante le riserve di contributi. Nel caso delle persone che esercitano un'attività lucrativa indipendente le riserve di contributi possono essere costituite solo per i contributi del datore di lavoro relativi al personale, e non per quelli del lavoratore indipendente stesso.



Liquidazione parziale della cassa pensione

Con la liquidazione parziale vengono ripartiti tra gli assicurati uscenti e quelli restanti i fondi liberi o il disavanzo della cassa di previdenza, secondo il principio della parità di trattamento.

Perché una liquidazione parziale della cassa pensione?

La liquidazione parziale non ha nulla a che vedere con un imminente scioglimento della cassa pensione o dell'azienda. Molti istituti di previdenza dispongono di fondi liberi, costituiti per lo più da eccedenze frutto di utili di capitale realizzati sui mercati finanziari. Semplificando si può dire che in questo caso la cassa di previdenza dispone di una riserva finanziaria più cospicua di quanto effettivamente necessario per erogare le prestazioni di vecchiaia e per i casi di invalidità e decesso.

Sarebbe ingiusto se le persone che escono dall'istituto di previdenza per motivi indipendenti dalla loro volontà non avessero diritto a una quota di tali fondi liberi che hanno contribuito a costituire. Viceversa nel caso vi fosse un disavanzo sarebbe ingiusto se gli assicurati rimanenti dovessero farsene carico da soli.

La legge (LPP) prevede apposite norme sulle modalità con le quali va effettuata una liquidazione parziale.

 

Previdenza professionale



Ricerca di un consulente