Benvenuti a AXA Svizzera
Login myAXA
 
 
 

Le basi della previdenza professionale

La previdenza professionale

La previdenza professionale svizzera presenta una struttura praticamente unica nel suo genere. A differenza della maggior parte dei modelli stranieri, essa poggia sul cosiddetto sistema dei tre pilastri. Richiedere una consulenza


Premessa sulla previdenza professionale in Svizzera

In Svizzera la previdenza professionale vanta una lunga tradizione. Già decenni prima dell'introduzione, nel 1985, del regime obbligatorio (LPP) i patron di molte aziende svizzere avevano riconosciuto la necessità di una forma di tutela sociale per i propri dipendenti e i loro familiari. I dipendenti, dal canto loro, hanno dimostrato la loro riconoscenza per questa lungimiranza rimanendo spesso fedeli all'azienda per lungo tempo.

Le forme giuridiche

In Svizzera la previdenza professionale si basa su una rigorosa separazione tra l'azienda e il relativo istituto di previdenza. Le forme giuridiche ammesse di tali istituti di previdenza sono le seguenti:

  • fondazione
  • società cooperativa
  • ente di diritto pubblico

I vantaggi della forma giuridica autonoma

In caso di fallimento di un'azienda, il relativo istituto di previdenza non ne è coinvolto. La cassa pensione è protetta dai comportamenti dell'azienda ad essa affiliata dettati dalla ricerca smodata del massimo profitto. Se, ad esempio, vi sono fondi liberi, l'azienda non ne può disporre.

Un istituto di previdenza professionale non può avere la forma di una società di capitali. Grazie a ciò a beneficiare dei proventi del rispettivo istituto di previdenza sono in primo luogo gli assicurati stessi e non, ad esempio, gli azionisti o i soci. Questi capisaldi del 2° pilastro rappresentano quindi una tutela della previdenza professionale.



Chi è soggetto all'obbligo di assicurazione?

In qualità di datore di lavoro siete responsabili per quanto riguarda i vostri dipendenti. Per le persone soggette all'obbligo di contribuzione ai sensi della LPP in quanto lavoratori dipendenti sussiste un obbligo di assicurazione. Tali persone si trovano infatti in un rapporto di lavoro subordinato. Le persone esercitanti un'attività lucrativa indipendente invece hanno la facoltà di affiliarsi, su base volontaria, a un istituto di previdenza.

  • Chi è considerato lavoratore dipendente?

    Sono considerati lavoratori dipendenti le persone impiegate presso un datore di lavoro e che percepiscono un salario. A tale riguardo anche la forma giuridica dell'azienda è rilevante. Anche i soci di una società anonima o di una Sagl sono considerati quali lavoratori dipendenti, anche se partecipano al capitale sociale con una quota consistente. Sono soggetti all'obbligo di assicurazione i dipendenti che: 

    • percepiscono un salario annuo superiore a CHF 20 880.- 
    • hanno compiuto il 17° anno di età (l'obbligo decorre dal 1° gennaio dell'anno successivo)
    • hanno un rapporto di lavoro a tempo indeterminato oppure, se a tempo determinato, della durata di più di tre mesi
  • Chi è considerata persona esercitante un'attività lucrativa indipendente?

    I lavoratori esercitanti un'attività lucrativa indipendente operano a proprio nome e per proprio conto. La cassa di compensazione AVS competente stabilisce se una persona è considerata quale esercitante un'attività lucrativa indipendente. Le forme giuridiche più diffuse tra le persone che esercitano un'attività lucrativa indipendente sono quelle della ditta individuale e della società in nome collettivo. A differenza dei lavoratori dipendenti, i lavoratori che esercitano un'attività lucrativa indipendente non sono soggetti al regime obbligatorio LPP. Tuttavia, essi possono optare di assicurarsi su base volontaria presso:

    • l'istituto di previdenza dei loro dipendenti
    • l'istituto di previdenza della loro associazione di categoria
    • l'istituto collettore

Particolarità

I dipendenti che non dispongono di un'assicurazione obbligatoria, impiegati presso più di un datore di lavoro e il cui salario annuo complessivo superi i CHF 20 880.--, possono farsi assicurare, su base volontaria, presso l'istituto collettore o presso l'istituto di previdenza di uno dei loro datori di lavoro. I lavoratori già assicurati obbligatoriamente presso uno dei loro datori di lavoro possono farsi assicurare in aggiunta anche per il salario che percepiscono da un altro dei loro datori di lavoro. In entrambi i casi il regolamento di previdenza deve prevedere le relative disposizioni.

I dipendenti che non dispongono di un'assicurazione obbligatoria, impiegati presso più di un datore di lavoro e il cui salario annuo complessivo superi i CHF 20 880.--, possono farsi assicurare, su base volontaria, presso l'istituto collettore o presso l'istituto di previdenza di uno dei loro datori di lavoro. I lavoratori già assicurati obbligatoriamente presso uno dei loro datori di lavoro possono farsi assicurare in aggiunta anche per il salario che percepiscono da un altro dei loro datori di lavoro. In entrambi i casi il regolamento di previdenza deve prevedere le relative disposizioni.
li prestazioni sono assicurate?

In linea di massima è necessario distinguere tra prestazioni obbligatorie (LPP) e prestazioni sovraobbligatorie.

La legge prevede le seguenti prestazioni:

  • in caso di vecchiaia: rendita di vecchiaia, rendita per i figli di pensionato
  • in caso di invalidità: rendita di invalidità, rendita per i figli di invalido
  • in caso di decesso: rendita per il coniuge, rendita per gli orfani
  • in caso di uscita: prestazione di libero passaggio

La LPP stabilisce anche le prestazioni minime.
 



Premessa

Per l'assoggettazione alla LPP è necessario disporre di un salario soggetto all'AVS. Tale salario funge anche da base per il calcolo della previdenza professionale. L'obbligo di notifica spetta al datore di lavoro.

Che cos'è un salario soggetto all'AVS?

Il salario AVS è costituito dal reddito da attività lucrativa dipendente che notificate alla cassa pensione. Notificate sempre alla cassa pensione il salario annuo AVS (compreso il bonus). Per le persone assicurate il cui reddito è soggetto a forti variazioni fa testo il salario annuo medio della relativa categoria professionale.

Quando va notificato il salario?

Il salario va notificato immediatamente nei seguenti casi:

  • nuove assunzioni  
  • variazioni del salario 
Per il rilascio dei certificati della cassa pensione per il nuovo anno assicurativo comunicate anticipatamente alla cassa pensione i dati relativi ai salari.


Ricerca di un consulente